LAVORAZIONE MARMO VOGHERA: CURIOSITÀ CHE NON SAI SUL MARMO

L’arte funeraria Corridonia non è un campo che rimane sempre uguale a sé stesso, ma cambia adeguandosi ai gusti dei committenti: lapide loculo cimiteriale, cappella di famiglia, monumento funebre e anche altre opere funerarie subiscono una naturale evoluzione, spesso in linea con le mode del momento.

In Lattanzi Marmi Corridonia abbiamo avuto modo di assistere a tale evoluzione, soprattutto per quanto riguarda la personalizzazione delle opere di arte cimiteriale che ci vengono commissionate. Se fino a qualche anno fa entrando in un cimitero si assisteva a un campo santo composto da tombe e lapidi tutte uguali, o comunque molto simili tra loro, oggi le cose stanno cambiando.

Sempre più spesso, infatti, si desidera creare qualcosa di diverso e di unico per il proprio caro, una vera opera d’arte in grado di rispecchiare la personalità e lo spirito di chi ormai non c’è più, un omaggio alla sua vita. Poco importa se si opta per una semplice lapide loculo o una più maestosa cappella di famiglia, ciò che conta è che tutte queste opere d’arte funeraria possono essere personalizzate e rese uniche.

A volte, però, accade che una famiglia decida di rinnovare una sepoltura, di cambiare quella lapide o quella tomba commissionata decenni prima da un familiare, ma che, adesso, non rispecchia più i gusti di chi è ancora in vita.

A questo si aggiunge l’errata credenza che per completare un loculo cimiteriale si debbano scegliere i classici accessori funebri come lampada, la cornice per foto, il portafiori e un’incisione standard. Così non è.

Le lapidi in marmo per loculi devono essere viste come tele bianche pronte ad essere personalizzate e rifinite come si desidera: non ci si deve limitare a seguire la corrente e a fare come fanno tutti. Questo porta spesso a pentirsi delle proprie scelte.

Grazie alle innovazioni che si sono susseguite nel campo dell’arte funeraria, innovazioni tecnologiche presenti in Lattanzi Marmi Corridonia grazie al progetto Artigiano 4.0, oggi è possibile richiedere prodotti unici, decorati e rifiniti in maniera superba dai nostri abili artigiani, lavorazioni che, fino a qualche anno fa, erano quasi impensabili.

Partendo da questo presupposto, oggi vogliamo parlare della signora Giovanna che si è rivolta a noi di Lattanzi Marmi, professionisti nella lavorazione marmo Corridonia, un po’ di tempo fa per apportare alcune modifiche al loculo della sua mamma, commissionato anni prima.

Proprio perché i gusti e le necessità cambiano, la signora Giovanna non era più contenta della lapide cimiteriale in suo possesso e desiderava qualcosa di diverso, più attuale e più elegante.

Parlando con i nostri esperti nella lavorazione marmi Corridonia, la signora Giovanna ha descritto con dovizia di particolari l’attuale lapide non più di suo gusto e cosa voleva assolutamente rimuovere. Quando i Clienti si rivolgono a noi, non sempre hanno le idee chiarissime su ciò che desiderano creare, ma spesso sanno benissimo cosa assolutamente non vogliono.

La lapide cimiteriale era nera e con questi elementi sembrava ancora più scura: non vi erano infatti punti luce, ma tutto sembrava piatto e monotono, motivo per cui la figlia della defunta aveva deciso di cambiare stile.

Le alternative a nostra disposizione erano tante e passavano da una semplice sostituzione degli accessori funebri ad un restyling completo e decisamente più importante. Parlando con la nostra Cliente abbiamo scoperto che vi era un solo punto fermo sul quale non si poteva scendere a compromessi: dovevamo assolutamente rimuovere il vaso di fiori incastonato nella lapide marmo.

Osservando meglio la lapide della defunta è facile comprendere il motivo di tale scelta. Il portafiori, infatti, non era più bello come poteva essere una volta, era ormai rovinato e rendeva ancora più cupa e retrò la lapide.

Stabilito il vincolo da rispettare, abbiamo proposto diverse alternative alla signora Giovanna, alternative che rispecchiavano un’altra sua importante richiesta: accessori funebri sobri e raffinati al tempo stesso.

Menu